La guerra del fútbol

Pubblicato: 26 marzo 2014 in América Latina, Español, Fútbol
Tag:, , , ,

Ryszard Kapuściński

Luis… había leído un informe del partido de fútbol entre los equipos de Honduras y El Salvador. Los dos países jugaban para ganar el derecho a participar en la copa del mundo de 1970 en México. El primer partido fue llevado a cabo el Domingo 8 de Junio de 1969, en la capital hondureña, Tegucigalpa. Nadie en el mundo prestó atención.

Guerra del Futbol

El salvadoreño Pipo Rodríguez anota frente al portero Varela el gol de la victoria de El Salvador ante Honduras. FOTO EL PAIS

El equipo de El Salvador llegó a Tegucigalpa el sábado y pasó una noche sin dormir en su hotel. El equipo no pudo dormir porque era blanco de la guerra psicológica emprendida por los hinchas hondureños. Una multitud cercó el hotel. La muchedumbre lanzó piedras en las ventanas y hacía ruido golpeando latas y barriles vacíos con palillos. Lanzaron petardos unos después de otros. Alinearon vehículos y tocaron sus bocinas parqueados delante del hotel. Los hinchas silbaron, gritaron y cantaron canciones hostiles. Esto duró toda la noche. La idea era que un equipo soñoliento, nervioso y agotado estaría limitado para perder. En América Latina éstas son prácticas comunes.

Honduras derrotó el día siguiente por uno a cero al soñoliento equipo de El Salvador.

Amelia Bolaños de dieciocho años de edad estaba sentada delante del televisor en El Salvador cuando el delantero hondureño Roberto Cardona anotó el gol en el minuto final. Ella se levantó y corrió al escritorio donde estaba la pistola de su padre y se disparó en el corazón. `La joven no pudo soportar ver a su patria perder,’ escribió un periódico de El Salvador el día siguiente. Toda la capital participó en el entierro televisado de Amelia Bolaños. Una guardia de honor del ejército marchó con una bandera al frente del entierro. El presidente de la república y sus ministros caminaron detrás del ataúd cubierto con una bandera. Detrás del gobierno venía la oncena del equipo salvadoreño que había sido abucheado, burlado y escupido en el aeropuerto de Tegucigalpa, y que había vuelto a El Salvador en un vuelo especial de esa mañana.

Pero el partido de vuelta de la serie tendría lugar en San Salvador una semana después, en el estadio con el bonito nombre de Flor Blanca. Esta vez el equipo hondureño pasó una noche sin dormir. La muchedumbre rompió todas las ventanas del hotel y lanzó adentro huevos podridos, ratas muertas y trapos que apestaban. Los jugadores fueron llevados al estadio en vehículos blindados de la primera división mecanizada –que los protegió de la venganza y de morir en manos de la multitud que alineó la ruta–, llevando las fotos de la heroína nacional Amelia Bolaños.

El ejército rodeó el estadio. En la cancha se apostó un cordón de soldados de un regimiento de la Guardia Nacional, armado con sub ametralladoras. Al ejecutarse el himno nacional de Honduras la muchedumbre rugió y silbó. Después, en vez de la bandera hondureña –que había sido quemada delante de los espectadores, enloquecidos de alegría– los anfitriones colocaron un trapo sucio, hecho andrajos encima del asta de la bandera. Bajo tales condiciones los jugadores de Tegucigalpa, no tenían, por razones comprensibles, sus mentes en el juego.Tenían sus mentes en salir vivos. Fuimos`terriblemente afortunados al perder,’ dijo con alivio el entrenador visitante Mario Griffin.

El Salvador ganó tres a cero.

Dos futbolistas hondureños, desolados en el vestuario.    FOTO EL PAIS

Dos futbolistas hondureños, desolados en el vestuario.    FOTO EL PAIS

Los mismos vehículos blindados llevaron al equipo hondureño directo desde el estadio al aeropuerto. Un destino peor aguardaba a los hinchas visitantes. Pateados y golpeados, huyeron hacia la frontera. Dos de ellos murieron. Más llegaron al hospital. Ciento cincuenta carros hondureños fueron quemados. La frontera entre los dos países fue cerrada algunas horas más adelante.

Luis leyó sobre todo esto en el periódico y dijo que iba a haber una guerra. Él había sido reportero durante mucho tiempo y sabía su oficio.

En América Latina, dijo, la frontera entre el fútbol y la política es vaga. Hay una lista larga de gobiernos que han caído o fueron derrocados después de la derrota del equipo nacional. Los jugadores del equipo perdedor son tratados como traidores en la prensa. Cuando Brasil ganó la copa del mundo en México un colega mio del Brasil se puso triste: ‘el régimen militar’, dijo, ‘ puede estar seguro al menos con otros cinco años de tranquilidad.’ En la ruta al título, Brasil ganó a Inglaterra. En un artículo con el titulo ‘Jesucristo defiende a Brasil’, el diario de Rio de Janeiro Jornal dos Sportes explicó así la victoria: ” siempre que la bola llegó a nuestra meta y un gol parecía inevitable, Jesucristo sacó su pie de las nubes y despejó la bola.” Dibujos acompañaron el artículo, ilustrando la intervención supernatural.

Cualquiera puede perder su vida en el estadio. En el partido en que México perdió con Perú, 2-1, un mexicano enojado gritó “¡Viva México!”y fue muerto, masacrado por la muchedumbre. Pero las emociones exaltadas encuentran a veces otras salidas. Después que México ganó a Bélgica 1-0, Augusto Mariaga, el guardia de una prisión de máxima seguridad en Chilpancingo (estado de Guerrero, México), llegó a delirar con alegría y corrió alrededor disparando una pistola al aire y gritando, `¡Viva México!’ abrió todas las celdas, liberando a 142 criminales peligrosos. Una corte lo absolvió, y según el veredicto, ` actuaba en exaltación patriótica.’

“¿Piensas que vale la pena ir a Honduras?” Pregunté a Luis, que entonces editaba la seria e influyente revista semanal Siempre .”Creo que vale la pena”, respondió, “algo va a suceder.”

La mañana siguiente ya estaba en Tegucigalpa.

Al anochecer un avión voló sobre Tegucigalpa y arrojó una bomba. Todos la oyeron. Las montañas cercanas repitieron el eco del violento estallido de modo que algunos dijeron más adelante que una serie entera de bombas habían caído. El pánico barrió la ciudad. La gente huyó a sus casas; los comerciantes cerraron sus tiendas. Los carros fueron abandonados en el centro de la calle. Una mujer corrió a lo largo del pavimento, gritando, `¡Mi niño! ¡Mi niño!’ Luego hubo silencio y todo quedó quieto. Era como si la ciudad hubiera muerto. Las luces se apagaron y Tegucigalpa se hundió en la oscuridad.

Corrí al hotel, entré a mi cuarto, puse papel en la máquina de escribir e intenté escribir un despacho a Varsovia. Intentaba moverme rápidamente porque sabía que en ese momento era el único corresponsal extranjero allí y que podría ser el primero en informar al mundo sobre el inicio de la guerra en América Central. Pero estaba oscuro en el cuarto y no podía ver nada. Encontré camino abajo a la recepción, donde me prestaron una candela. Regresé arriba, encendí la candela y encendí mi radio transistor. El locutor leía un comunicado oficial del gobierno hondureño sobre el comienzo de hostilidades con El Salvador. Entonces vinieron las noticias de que el ejército de El Salvador atacaba Honduras a todo lo largo de la línea fronteriza.

Comencé a escribir:

TEGUCIGALPA (HONDURAS) PAP 14 DE JULIO VÍA LA RADIO TROPICAL RCA HOY A LAS 6 DE LA TARDE COMENZÓ LA GUERRA ENTRE EL SALVADOR Y HONDURAS LA FUERZA AÉREA DE EL SALVADOR BOMBARDEÓ CUATRO CIUDADES HONDUREÑAS STOP AL MISMO TIEMPO EL EJÉRCITO SALVADOREÑO CRUZÓ LA FRONTERA HONDUREÑA TRATANDO DE PENETRAR EN EL PAÍS STOP EN RESPUESTA A LA AGRESIÓN LA FUERZA AÉREA DE HONDURAS HA BOMBARDEADO IMPORTANTES OBJETIVOS ESTRATÉGICOS E INDUSTRIALES Y FUERZAS TERRESTRES INICIARON UNA ACCIÓN DEFENSIVA.

En este momento alguien en la calle comenzó a gritar”¡Apaga la luz!” repetidamente, más y más alzando la voz con mayor agitación. Soplé la candela. Continué escribiendo ciegamente, por el tacto, encendiendo un fósforo al tocar las teclas.

LOS INFORMES DE RADIO DICEN QUE HAY LUCHA A LO LARGO DE LA FRONTERA Y QUE EL EJÉRCITO HONDUREÑO ESTÁ INFLINGIENDO FUERTES PÉRDIDAS AL EJÉRCITO DE EL SALVADOR STOP EL GOBIERNO HA LLAMADO A TODA LA POBLACIÓN A LA DEFENSA DE LA NACIÓN QUE ESTÁ EN PELIGRO Y HA LLAMADO A LA ONU PARA QUE CONDENE EL ATAQUE.

Desde temprano en la mañana la gente había estado cavando trincheras y erigiendo barricadas, preparándose para un ataque. Las mujeres almacenaban provisiones y protegían sus ventanas con cinta adhesiva. La gente corría cruzando las calles sin dirección; reinaba una atmósfera de pánico. Brigadas de estudiantes pintaban enormes lemas en las paredes y muros. Una burbuja de grafitis había estallado sobreTegucigalpa, cubriendo las paredes con numerosas consignas.

SOLO UN IMBÉCIL SE PREOCUPA NADIE ATACA A HONDURAS

Ó:

TOME SUS ARMAS Y VAMOS MUCHACHOS A DESTRIPAR A ESOS SALVADOREÑOS NOS VENGAREMOS DEL TRES A CERO

PORFIRIO RAMOS DEBE ESTAR AVERGONZADO POR VIVIR CON UNA MUJER DE EL SALVADOR

CUALQUIERA QUE VEA A RAIMUNDO GRANADOS QUE LLAME A LA POLICÍA ES UN ESPÍA DE EL SALVADOR

Guerra del Futbol

El Estadio Nacional (hoy Estadio Carias) de Tegucigalpa, donde se jugó el partido de ida ganado por Honduras 1-0

Los latinoamericanos tienen obsesión con los espías, conspiraciones y complots. En guerra, cada uno es quinta-columna. Yo no estaba en una situación particularmente cómoda: la propaganda oficial en ambos lados culpaba a los comunistas por cada desgracia, y yo era el único corresponsal en la región de un país socialista. Incluso así pues, quería ver la guerra hasta el final.

Fui al correo y pedí al operador del Telex que me acompañara para una cerveza. Estaba temeroso, porque, aunque él tenía un padre hondureño, su madre era una ciudadana de El Salvador. Era un nacional mezclado y estaba entre los sospechosos. No sabía que sucedería después. Toda la mañana la policía había estado reuniendo salvadoreños en campos provisionales, a menudo en estadios. En América Latina, los estadios desempeñan un papel doble: en tiempo de paz son lugares de deportes; en guerra se vuelven campos de concentración.

Su nombre era José Málaga, y tomamos una bebida en un restaurante cerca del correo. Nuestro estado incierto nos había hermanado. José telefoneaba a menudo a su madre, que estaba encerrada en su casa, y decía “mamá, todo está bien. No han venido por mi. Todavía estoy trabajando.”

Por la tarde otros corresponsales llegaron desde México, cuarenta de ellos, mis colegas. Habían volado a Guatemala y alquilaron un autobús, porque el aeropuerto en Tegucigalpa estaba cerrado. Querían ir al frente. Fuimos al palacio presidencial, un edificio azul brillante, feo, de principios del siglo, en el centro de la ciudad a arreglar el permiso. Habían nidos de ametralladoras y sacos de arena alrededor del palacio, y armas antiaéreas en el patio. En los pasillos adentro, los soldados dormitaban o caminaban alrededor en uniforme de campaña.

La gente ha estado haciendo la guerra por miles de años, pero cada vez es como si fuera la primera guerra emprendida, como si cada uno haya empezado de cero.

Un capitán apareció y dijo que era el portavoz de prensa del ejército. Le pidieron describir la situación y dijo que estaban ganando en todo el frente y que el enemigo sufría fuertes pérdidas.

“OK” dijo el corresponsal de la AP, vamos al frente.

Los estadounidenses ya están alli, dijo el capitán. Van siempre primero debido a su influencia – y porque comandan obediencia y pueden arreglar las cosas.

El capitán dijo que podríamos ir al día siguiente, y cada uno debía traer dos fotografías.

Fuimos a un lugar en donde dos piezas de artillería estaban emplazadas debajo de unos árboles. Los cañones disparaban y había municiones en el suelo. Delante de nosotros podíamos ver la carretera con dirección a El Salvador. A ambos lados de la carretera era pantanoso y más allá empezaba un denso bosque.

El sudoroso y barbado comandante en el mando nos dijo que no podíamos ir más lejos. Más allá de este punto ambos ejércitos estaban en acción, y era difícil distinguirlos. El bosque era demasiado denso para ver. Dos unidades opuestas se distinguían al último momento cuando se enfrentaban. Además ya que los dos ejércitos tienen similares uniformes, poseen el mismo equipo y hablan el mismo idioma era difícil distinguir uno de otro. El comandante nos aconsejó volver a Tegucigalpa, porque avanzar podía significar morir sin saber quién lo había hecho (como si importara eso, pensé.) Pero los camarógrafos de la televisión dijeron que tenían que ir a la línea del frente a filmar a los soldados en acción, disparando y muriendo. Gregor Straub del NBC dijo que él tenía que tener un primer plano del goteo del sudor de la cara de un soldado. Rodolfo Carillo del CBS dijo que él tenía que tener a un comandante desanimado que se sentaba debajo de un arbusto y que lloraba porque había perdido su unidad entera. Un operador francés deseaba filmar un panorama con una unidad de salvadoreños que atacaba a una unidad de Honduras desde un flanco, o viceversa. Alguien quería capturar la imágen de un soldado que llevaba a su camarada muerto. Los reporteros de radio apoyaron a los camarógrafos. Uno deseaba grabar los gritos de un herido pidiendo ayuda, al hacerse débil y más débil, hasta perder el aliento. Charles Meadows de Radio Canadá deseaba la voz de un soldado que maldecía la guerra en medio de un infernal ataque. Naotake Mochida de Radio Japón quería el grito de un oficial que gritaba a su comandante en medio del ruido de la artillería – usando un teléfono de campo japonés .

Muchos decidieron ir adelante. La competencia es un incentivo poderoso. Puesto que la televisión estadounidense iba, también tenían que ir los servicios de radio. Puesto que iban los americanos, Reuters tenía que ir. Excitado por la ambición patriótica, ya que era el único polaco en la escena, decidí unirme al grupo que intentaba hacer la desesperada marcha. A los que dijeron tener corazones enfermos, o estar desinteresados en detalles ya que escribían comentarios generales, los dejamos atrás bajo un árbol…

La guerra del fútbol duró cien horas. Sus víctimas: 6.000 muertos, más de 12.000 heridos. Cincuenta mil personas perdieron sus hogares y cosechas. Muchas aldeas fueron destruidas.

Los dos países cesaron la acción militar porque intervinieron los estados de América Latina, pero hasta éste día hay intercambios de fuego a lo largo de la frontera Honduras – El Salvador, y la gente muere, y se destruyen aldeas.

Éstas son las razones verdaderas de la guerra: El Salvador es el país más pequeño de América Central, tiene la densidad demográfica más grande en el hemisferio occidental (más de 160 personas por kilómetro cuadrado). Las cosas están apretadas, y tanto más porque la mayor parte de la tierra está en manos de catorce grandes clanes de terratenientes. El pueblo incluso dice que El Salvador es propiedad de catorce familias. Mil latifundistas poseen exactamente diez veces más tierra que cien mil campesinos. Dos tercios de la población rural no posee ninguna tierra. Por muchos años una parte de los pobres sin tierra ha estado emigrando a Honduras, donde hay zonas extensas de tierra sin cultivar. Honduras (112.492 kilómetros cuadrados) es casi seis veces más extenso que El Salvador, pero tiene casi la mitad de la población (2,500,000). Ésta fue una emigración ilegal pero fue mantenida silenciada, tolerada por el gobierno hondureño por años.

Los campesinos de El Salvador se asentaron en Honduras, establecieron aldeas, y crecieron acostumbrados a una vida mejor que la que habían dejado detrás. Llegaron a ser cerca de 300,000.

En los 1960, el malestar comenzó entre el campesinado de Honduras, que exigía tierra, y el gobierno de Honduras pasó un decreto de Reforma Agraria. Pero puesto que era un gobierno oligárquico, dependiente de los Estados Unidos, el decreto no tocó la tierra de la oligarquía o de las plantaciones grandes de banano que pertenecían a la United Fruit Company. El gobierno decidió redistribuir la tierra ocupada por los ocupantes ilegales de salvadoreños, significando que los 300,000 salvadoreños tendrían que volver a su propio país, en donde no tenían nada, y donde, en cualquier caso, serían rechazados por el gobierno de El Salvador, temiendo una revolución campesina.

Las relaciones entre los dos países eran tensas. La prensa en ambos lados emprendió una campaña de odio, llamándose nazis entre si, enanos, borrachos, sádicos, agresores y ladrones. Había pogroms. Las tiendas fueron quemadas.

En esas circunstancias había ocurrido el partido entre Honduras y El Salvador.

La guerra terminó en un estancamiento. La frontera siguió siendo igual. Es una frontera establecida a vista en el bosque, en terreno montañoso que ambos lados demandan. Algunos de los emigrados volvieron a El Salvador y algunos de ellos todavía están viviendo en Honduras. Y ambos gobiernos están satisfechos: por varios días Honduras y El Salvador ocuparon los titulares de prensa del mundo y fueron objeto de interés y preocupación. El único chance que los países pequeños del tercer mundo evocan un animado interés internacional es cuando derraman su sangre. Es una triste verdad, pero así es.

El juego decisivo se realizó en campo neutral, en México (El Salvador ganó 3 a 2). Los hinchas de Honduras fueron colocados a un lado del estadio, los salvadoreños al otro lado entre 5,000 policías mexicanos armados con garrotes.

Fuentehttp://cronicasperiodisticas.wordpress.com/2011/10/19/la-guerra-del-futbol/

commenti
  1. Andrea Dell'Acqua 1986 scrive:

    INFORMATE ALMENO SUI METODI, NE VA DEL MERIDIONE E DEL RESTO DELL’ITALIA, SONO I “NUOVI” METODI CRIMINALI: COME FATTO AL SUD, FANNO AL NORD.
    LA GUERRA FREDDA DELLA “PSICO(IN)CIVILIZZAZIONE” STATUNITENSE – LE MAFIE PER FINI IDEOLOGICI – LA VESSAZIONE PER FINI POLITICI – LA VESSAZIONE MAFIOSA PRO-ELITARIA PER LA SPARTIZIONE ELITE / SOTTOMESSI.

    In Busto Garolfo (Mi – Italia), non potendo escludere altre località in Provincia (ad esempio Parabiago) ed Italia, vi sono individui collusi in associazioni a delinquere di stampo mafioso e collusi in associazioni di Stalker Organizzati a Gruppi non dissimili dalle mafie, costituite da mercenari, mafiosi, terroristi, neo nazisti, satanisti, stalker, dipendenti delle Forze dell’Ordine e forze di sicurezza pubblica e privata, dipendenti di Servizi d’Intelligence e Militari od Ex-Militari Italiani, che “operano” ed agiscono (in base o comunque a favore di piani strategici che non possono non appartenere all’Intelligence ed altri apparati degli U.S.A., anche perché sono finanziati, in cima, da coloro che hanno interesse ad indebolire la nostra Economia, Società, ricchezza, Influenza Internazionale), in accordo con dipendenti e professionisti collusi collegati a società Straniere ed Italiane (connesse ai comparti chimico-farmaceutico, dell’aviazione, della Difesa, incluso quello degli Armamenti, Telecomunicazioni ed anche gestione di Torri TLC, Informatica, Biotecnologie e connessi alle scienze biofisiche e biochimiche, oltre ad altri), utilizzando a distanza dalle Vittime Civili Inermi, per lunghi periodi e più o meno intensamente, in un arco temporale di diversi anni e con crescente spudoratezza, vere e proprie “armi ad energia diretta” e strumentazioni realizzate allo scopo, per danneggiare e/o disturbare e finanche bloccare il funzionamento di dispositivi elettronici (rimediabile spostando i dispositivi, ove possibile), incluse le antenne per automazione, elettrodomestici e computer (es. ingenerando “errori” computazionali con conseguente incremento di carico), firewall e server, cavi dati e telefonici, telefonini cellulari (segnale di rete), cavi elettrici (vengono a mente gli episodi di Caronia), per ledere le cellule ed i tessuti, incluso quello nervoso, gli organi del corpo Umano, disturbarne selettivamente il normale ‘funzionamento’ biochimico-biofisico, intimorire/estorcere. Oltre alle Vittime, vengono presi di mira conoscenti, parenti, rendendoli se possibile, collusi de facto, magari usando in taluni casi evoluzioni dell’effetto descritto da Allan Frey al fine d’intimidire e plagiare.

    L’uso di strumentazioni ed “armi ad energia diretta” (probabilmente piccoli, trasportabili e nascondibili laser a frequenza variabile, maser, antenne o parabole modificate, dai ‘consumi elettrici domestici’, o chimicamente alimentati anche tramite piccoli generatori) forse sfruttanti l’emissione di multiple tipologie di radiazioni elettromagnetiche non-ionizzanti (o debolmente) specifiche, in funzione della chimica “da colpire” presente in un volume (forse, finanche capaci di interferire con specifico DNA, forse sulla base di nozioni afferenti le scienze biofisiche, biochimiche, le teorie dei segnali), in funzione delle molecole ed ioni presenti in un volume, è, per le Vittime colpite, potenziale causa di tumori, infarti, dolori, malori, debilitazione del sistema immunitario, patologie, possibile spiegazione per sospette ed inspiegabili morti, anche nel sonno, anche in quanto possibile cause di gravi e mortali problemi celebrali (alle radiazioni e.m., ionizzanti oppure no, si può essere sensibili se sensibilizzano-eccitano la chimica dei neuroni sensori oppure no, se ne eccitano altra).

    I criminali individuano la posizione delle persone negli edifici mediante strumentazioni simili a radar e presumibilmente basate sulla rilevazione delle “onde riflesse” dalla chimica organica. E’ possibile che il sistema venga utilizzato, su individui, per trasferire script sotto forma di ‘impulsi’ al sistema nervoso, sugli assioni nervosi principali e relativi a tatto udito e vista, oppure per rendere ‘difficoltoso e pesante’ il pensiero. E’ possibile che gli strumenti vengano nascosti in cavedi od in pareti, potendo emettere radiazioni e.m. attraversanti le stesse, comandati dalla distanza in remoto in quanto dotati di automatismi e meccanismi di puntamento si suppone (presumibilmente, allo scopo di eludere controlli).

    E’ possibile che le linee telefoniche e la privacy nelle telecomunicazioni delle Vittime, vengano violate illegalmente da individui non necessariamente appartenenti allo stesso gruppo locale.

    Sollecito a non disinteressarsi dei metodi e di cosa sono capaci ad oggi alcuni gruppi criminali e stalker organizzati. Le nuove Vittime non devono cadere nella disperazione perché non capiscono cosa accade quando gruppi criminali usano questi metodi e strumenti (niente di paranormale, è da evitare lo scambiare lesioni dovute a quanto sopra per malattie ad altro dovute). Bisogna pensare alle Donne, a Minorenni ed ai rischi connessi a sfruttatori che dispongono di tali sistemi ed i favori da parte di alcuni deviati nello Stato. L’annichilimento determinato dallo Stalking, la riduzione delle possibilità per le vittime di esercitare i propri diritti, incluso quello al lavoro (impossibilitandolo, ostacolandolo, togliendolo), possono essere finalizzate anche all’induzione in schiavitù ed alla prostituzione. Lo Stalking Organizzato e le mafie sono, per le Vittime, la medesima cosa, anzi il primo è più annichilente, più distruttivo, dal primo ci si può tutelare con maggior difficoltà, in quanto i Gruppi di Stalker costituiscono proprio Nuove mafie.

    Gli strumenti ed il metodo criminale, essendo stati implementati, sono probabilmente utilizzati oltre che, contro singoli Civili come nel caso di chi scrive, anche per ‘controllare’ la prostituzione e/o danneggiare onesti imprenditori ed imprese a vantaggio dei collusi, senza che nemmeno si accorgano della ‘mano invisibile’ delle “armi ad energia diretta”: le conoscenze e le Vittime possono essere colpite alla testa, secondo la volontà del criminale che utilizza gli strumenti, in modo specifico e per lunghi periodi di tempo, determinando l’emersione di differenti condizioni emotive e stati mentali (per esempio allo scopo di rendere difficile tra loro la comprensione degli avvenimenti) in funzione delle aree celebrali e della chimica sollecitata.

    Anzi che verificare seriamente, Carabinieri in accordo con personale sanitario lasciano esasperare le Vittime che hanno già fatto segnalazioni e poi mettono a tacere le stesse Vittime impedendo la formalizzazione delle denunce, screditandole richiedendo Trattamenti Sanitari, facendole passare per pazze (ripeto, senza avere fatto alcuna verifica nemmeno formale) di modo da mantenere il silenzio e permettere il continuare delle sperimentazioni ed attività illegali.

    In sostanza il territorio viene utilizzato come campo di sperimentazione, una sorta di Lager a cielo aperto, gestito da reti criminali, mercenarie, paramilitari, già diffuse ed/od in costruzione, di delinquenti organizzati, reti abituate al crimine, infiltrate, influenzanti e danneggianti le Istituzioni, la Società, l’Economia, la Politica, Gruppi Religiosi e Sette (es. Scientology, Testimoni di Geova), di modo da creare le condizioni per trovare nuove Vittime e collusi carnefici da ricattare ed usare; reti che, viste le tendenze economiche nella NATO, favoriscono determinati Stati (U.S.A.), individui od Aziende e Corporazioni; reti abituate al crimine ed alla violazione di quanto sancito dalla carta ONU dei Diritti dell’Uomo ed in genere dei Diritti Umani, oltre che Civili, delle Vittime-cavie, identificate come assoggettabili alle sperimentazioni illegali o rese idonee allo scopo, catalogate, isolate mediante operazioni di plagio, soggette a multiple e crescenti vessazioni nel tempo.

    Tra i criminali collusi di gruppi come sopra organizzati, vi sono professionisti e dipendenti collegati al settore dei Servizi alla Persona e Servizi Sociali e dei centri per la cura delle malattie psichiche che, loro malgrado od al contrario con cognizione ed interesse, trattano non-malati, temporaneamente ed artificiosamente ‘trasformati’ in tali mediante ‘l’interferenza attiva’ di dispositivi esterni, divenendo come minimo complici di reati e violazioni di diritti, di ulteriori lesioni e danni creati dalla somministrazione di sostanze chimiche ‘terapeutiche’ per malattie che non esistono, facendo guadagnare in particolar modo chi produce, distribuisce tali sostanze, arrecando invece danno sociale, economico, finanziario alla Nazione, creando dipendenza, permettendo il continuare, nel silenzio, delle sperimentazioni sulla popolazione da parte di criminali peggiori transnazionali, che assieme ad altri, indeboliscono, “invitano”, premono, ad indebolire, dividere, privatizzare, rendere meno utile e benvisto, ogni apparato della Nazione per poter avere sempre maggiore influenza sulla vita delle persone, riducendo le possibilità di opporsi a violazioni sempre peggiori.

    Tra i criminali collusi nell’organizzazione mafiosa – paramilitar locale (dello stampo descritto in precedenza, eseguente anche incendi e furti di veicoli) comprendente diversi Gruppi di Stalker associati , oltre a dipendenti della ASL n.1 di Milano, dell’U.O. di Legnano, Agenti ed ex, Carabinieri della zona ed ex-militari, vi sono individui domiciliati od entranti (amicizie, data la ovvia assenza di denuncie, l’omertà, l’eccessiva tranquillità e spavalderia nel commettere i reati) nel civico di Via Amatore Sciesa 29 (stando alle caselle postali Riente S. Sollitto Mr., Carlesi-Labat Blue Coat, Latrecchiana I., Guerriero E. Denti A., Rosana M., Pinciroli M., Balzan G. Crestani L., Citterio M.L.) a Busto Garolfo nonché altri nel vicinato (es. Sana, Nigro); all’interno, oppure coinvolti dalle azioni, della stessa organizzazione vi sono diversi appartenenti alle famiglie Zanzottera, Raimondi, Chiappa, Crotti, Dell’Anna, Branca, Lista, Sana, Negri, Negrini, Caprarulo, Bignami, Mares, Parotti, Marchiori, Pinciroli, Rosana, Ceriotti, Pizzo, Grimi, Bianchi, Castoldi, Pedretti, Santamaria, Colombo, ed anche Mammone e Grande (questi stando alle caselle postali, alcuni sono, essi stessi oppure strettamente collegati ad, individui che hanno un lavoro ed occupano anche posizioni di “rilievo” nel comparto Psichiatria, Psicologia, Neurologia, in genere Medicina, Farmacia, altri nel commercio dell’oro e preziosi, altri nel comparto della sicurezza – Forze d’ordine, Guardie private, Agenti di polizia – altri ancora nel business delle onoranze funebri, altri nelle costruzioni, rifiuti pericolosi o speciali, altri nella giustizia e della difesa dei diritti – Avvocati, Magistrati – molti sono fortemente connessi alla Politica ed Imprenditoria anche dei settori dell’alimentazione, dell’intrattenimento e spettacolo – inclusa la televisione). Sono coinvolti domiciliati o lavoratori in Via Carlo Noe, Via Baracca, Via San Francesco, Via Parabiago, Via Vercesi, Via Cimabue, Via Ciro Menotti, Via XXIV Maggio, Via Montesanto, Via Maroncelli, Via Cairoli, Via Fratelli Bandiera, Via Giussano, Via Monte Rosa, Via Fratelli Rosselli, Via Manzoni, Via per Arconate e Via Olcella in Busto Garolfo. Sono coinvolte attivamente aziende, anche informatiche, sia in Busto Garolfo che fuori. Parenti di chi scrive sono stati apparentemente soggetti al “lavaggio del cervello” mediante tecniche a me non note, intimiditi o resi collusi, resi indisponenti ed incapaci a trattare determinate argomentazioni quando collegabili agli avvenimenti, hanno comportamenti estremizzati dalla calma irreale e distacco a fronte delle descrizioni degli eventi alla sproporzionata irascibilità a fronte di tranquille argomentazioni tra gli stessi (come se fossero soggetti ad un’influenza esterna, invisibile, inudibile, a mutarne il comportamento, presumibilmente causata dalle strumentazioni citate). I parenti delle Vittime, resi collusi, ricattati, spaventati, forse anche lesi in precedenza, oppure già complici, si adoperano mettendo o lasciando mettere in atto gli accorgimenti necessari per mettere a tacere e screditare le Vittime che vogliono parlare di quanto viene fatto alle stesse, per evitare ritorsioni oppure perché accondiscendenti: per esempio usano coinvolgere alcuni tra gli aguzzini od i loro vicini allo scopo di chiamare “testimoni” che neghino quanto accade alle Vittime in altri momenti e/o fare apparire gli stessi estranei alle collusioni (quando invece non lo sono) anche durante gli eventi (che comunque sono specificamente rivolti a danneggiare e ledere le singole Vittime e non certo eventuali innocenti testimoni che, per i criminali, sono semmai utili a screditare le Vittime), complici volontari oppure no, a conoscenza dei piani oppure no, di situazioni artefatte per coprire le attività illegali e sviare le indagini facendo apparire inattendibili le vittime, tramite appunto il coinvolgimento di moltitudini d’individui. Ovvio che pochi, tra i tanti collusi, poi cercheranno di prendersi il maggior maltolto alle Vittime a meno che si tratti di un gruppo che agisce estesamente in Provincia e fuori, accanto ad altri gruppi criminali.

    Ulteriori coinvolti sono Dott.ssa Gatti, Dott.Musazzi. Gli strumenti, di cui sono dotati i criminali, utilizzati come armi dall’interno degli edifici anche circostanti il civico 40 (bersaglio) di Via Maroncelli in Busto Garolfo, determinano, quando sensibili, effetti simili a quelli di maser (microonde intense concentrate, già capaci di attraversare le pareti) anche se si comprende che lo spettro di radiazioni utilizzate è “ampio”, si verificano anche sintomi simili a quelli determinati dal forte calore, anche solo apparente, molto localizzato e di rapido incremento, estreme e tendenzialmente temporanee difficoltà di concentrazione e memorizzazione quando ad essere colpita è la testa, sintomi che svaniscono spostandosi (non-togliendo che l’esposizione alle intense radiazioni e.m. è comunque dannosa sino a determinare dolori alle articolazioni limitatamente ad un breve periodo successivo, secchezza della pelle localizzata, arrossamenti, screpolature, dermatiti, dolori muscolari, rapido incremento con successiva stabilizzazione di nevi in numero e dimensioni, limitato ad un breve arco temporale successivo all’esposizione d’intense radiazioni, tutti localizzati nelle zone colpite troppo a lungo, con la testa sottoposta a lunghe esposizioni si verifica la permanenza per medi periodi della difficoltà a memorizzare o difficoltà a ricordare e richiamare le parole adatte e coniugarle correttamente, perdita della memoria anche di eventi recenti).

    Si constatano movimenti-attività simili, ogni qual volta a mezzo delle stesse telecomunicazioni si trattano determinate informazioni (sia via sms, telefonicamente, rete dati).

    Bisogna tenere presente che trattandosi di attività illegali gravi, che coinvolgono molti criminali, di associazioni per delinquere (ivi inclusi coloro che pensano di essere al massimo imputabili di stalking di gruppo), è evidente che tutti i delinquenti operino per tenere un doppio comportamento, un doppio agire: uno in normale pubblico soprattutto con estranei o con eventuali “testimoni” coinvolti da altri complici per screditare le Vittime, un altro nel gruppo criminale, allo scopo di apparire insospettabili ottenendo i “benefici” dai crimini ed evitandosi il più possibile di essere coinvolti in indagini (tenuto conto tra l’altro di alcune complicità nelle forze dell’ordine, tra avvocati, magistrati e sanitari).

    In effetti un’altra evidenza dell’associazione a delinquere (includente differentemente interessati e favoriti) è costituita dal comportamento di alcuni tra coloro (che siano collusi, condiscendenti o costretti) i quali “gravitano” attorno alle Vittime (ad esclusione di chi è completamente estraneo agli eventi, per distanza fisica nel tempo, per distanza d’interessi precedenti e seguenti gli eventi, anche in considerazione delle amicizie – parentele – occasioni di lavoro o guadagno, non ovviamente dunque, considerata la durata temporale degli eventi, colori i quali sono vicini delle Vittime, che sempre e comunque sono soggetti a collusione od a plagio, coinvolti direttamente, maggiormente interessati, più probabilmente consapevoli di molti fatti, tanto più quando fingono di non notare nulla di strano nelle evidenze) a volerle denigrare e farle apparire a terzi estranei (né Vittime, nè complici, né interessati economicamente) per quanto non sono, oltre che lederle, danneggiarle, istigarle.

    E’ ovvio che una moltitudine non complice, agente indipendentemente al suo interno e senza interessi programmi comuni, ha maggiori probabilità di relazioni con terzi rispetto ad una situazione diversa, mentre il singolo in una condizione in cui si trova “circondato” da una “comunità” d’individui con il medesimo gruppo d’intenti ne possiede meno con gli appartenenti alla stessa comunità da cui è escluso per almeno uno dei predetti possibili motivi.

    In una situazione socio-economica tesa ed indebolita, anche dalle azioni degli stessi gruppi criminali dotati delle strumentazioni citate, ‘esperti mercenari’ potrebbero sfruttare la ‘manipolazione tecnologica’ temporanea ed a distanza del carattere delle persone (che è realtà da molti anni, ufficiale e documentata da organi d’informazione, documenti disponibili su portali governativi ed universitari) al fine di ingenerare sommosse e finanche ‘stimolare’ tentativi di sovvertimento del potere oppure golpe armati con “strumenti ad energia diretta”.

    Vi sono associazioni a delinquere che usano i sistemi e strumenti già esposti unitamente a tecniche psicologiche e la conoscenza della condizione economica delle vittime donne e ragazze, al fine d’implementare coercizioni, costrizioni, per avviarle, obbligarle a prostituirsi o compiere ‘attività’ connesse ed illecite a carico delle stesse.

    È possibile che alcuni gruppi di criminali, che è possibile siano collegati all’organizzazione locale, utilizzino dei “robot informatici”, “software” ed “hardware” al fine di eseguire “stalking automatizzato” via web, e-mail, telefoni (software per generare abbinamenti di parole consequenziali sulla base di un dizionario, dei sinonimi, del genere e numero, dell’analisi logica e grammaticale, software per generare abbinamenti di frasi correlate al modo indicato e secondo un minimo di argomenti correlati, dizionari di frasi, software per archiviare tracce vocali ed impronte vocali, compositori di numerazioni automatici, software per correlare la voce ai vocaboli del dizionario anche in funzione di quanto indicato prima di modo da incrementare le probabilità di correlazione esatta, correlare sillabe ai suoni, software in grado di ricodificare una voce in un’altra sulla base delle differenze tra un’impronta vocale ed un’altra – una sorta di sistema per deformare la voce facendola apparire quella altrui – sintetizzatori vocali con multiple impronte imitabili, software per archiviare estratti di frasi d’individui registrate ed abbinate a complementari e congruenti altre dello stesso individuo od altri al fine di generare comunicazioni con abbinamenti automatici frase-frase sulla base del riconoscimento dei suoni e dei dizionari, software ed hardware per hacking ed intercettazione illegale dei dispositivi, per l’intromissione in comunicazioni, per creare falsi nodi di rete a cui i telefonini si agganciano o generare false numerazioni: è possibile per esempio verificare, come accaduto a chi scrive, l’utilizzo da parte di delinquenti di numerazioni telefoniche di dozzine e dozzine di cifre, evidentemente numerazioni corrispondenti ad utenze “inesistenti” od usate per scopi speciali).

    Vi sono associazioni a delinquere, inclusa l’organizzazione locale, che con gli stessi metodi spingono le Vittime in condizioni tali da farle lasciare di fretta immobili, inclusi quelli connessi alle attività produttive oltre ad abitazioni e terreni, costringendole a vendere a prezzi inferiori a guadagno di collusi che acquisteranno con un costo inferiore a quanto avrebbero dovuto sostenere, tenuto conto anche dei costi da sostenere per ottenere i favori delle associazioni criminali.

    Vi sono associazioni a delinquere, inclusa l’organizzazione locale, che con gli stessi metodi costruiscono “casi” atti a fare muovere il danaro delle vittime, indirizzandolo verso professionisti (es. avvocati, psicologi) ed individui collusi all’associazione o che hanno pagato per ottenere vantaggi dall’operato della stessa.

    Vi sono associazioni a delinquere, inclusa l’organizzazione locale (considerato il modo d’agire “silenzioso” e tenuto per quanto possibile nel silenzio dai corrotti collusi, considerato anche il plagio ed il “lavaggio di cervello”, oppure le lesioni, intimidazioni, operate ai famigliari stretti delle Vittime) che oltre a vessare, danneggiare, ledere, costringere, ricattare, “manovrare”, le Vittime, dopo avere ottenuto i risultati relativi agli averi delle stesse o dei famigliari delle stesse (averi magari acquisiti in precedenza da coloro che, ora criminalmente, li rivogliono a basso prezzo o meglio a gratis montando pure accuse e falsi casi per vessare le famiglie colpite e costringerle a svendere gli averi per pagare fasulli danni arrecati ai criminali, complici di forze dell’ordine corrotte, anzi che essere i criminali a “pagare” per quanto possibile i danni alle Vittime e famigliari), procedono poi colpendo nuovamente le Vittime ed i famigliari delle stesse, per sbarazzarsi fisicamente delle Vittime e di coloro che sono primi testimoni delle azioni criminali inclusi anche i collaboratori nei crimini.

    Dato il metodo, la cui applicazione è difficilmente individuabile, utilizzato contro le vittime, per coerciderle, intimidirle, minacciarle, lederle, danneggiarle economicamente ed individuare e “creare” ulteriori individui disponibili alla collusione sotto ricatto, è possibile che i criminali lo utilizzino anche per ottenere pubblicità, lavoro, finanziarsi, sia nel mercato legale, sia tra la criminalità; è infatti evidente che, considerati i soldi che si muovono in alcuni casi di cronaca nera o cronaca in genere, vi sia la possibilità che certe organizzazioni per delinquere oltre ad operare settariamente mettendo in evidenza simbolismi nelle azioni commesse, lasciando trasparire indizi-tracce-firme-marchi a mo di pubblicità tra la criminalità, per ostentare il potere, a mo di scherno di quella parte pulita delle forze dell’ordine e di chi si occuperà in genere delle indagini e di giustizia, operi anche per incrementare le possibilità di guadagno di chi gravita attorno alla setta – organizzazione a delinquere (che si tratti di gruppi di stalker, mafiosi, “pseudo-massoni”, adepti con qualche culto “religioso” presumibilmente esoterico oppure carente ancora di elementi significativi necessari alla diffusione e “comprovazione” – relazione alla “realtà accertata” – magari denigrando coloro che già sono Vittime facendole apparire come volontariamente immolate) e che potrebbe “fare soldi” in conseguenza agli avvenimenti, con il commercio, sulla base del libero mercato, che si tratti di professionisti, politici, imprenditori, dipendenti in genere, che si tratti di “ministeri di culti settari” o di “capi mafiosi” (ecc…).

    Dato il metodo è possibile che sia usato per plasmare falsi testimoni e comparse, collusi o “clienti” delle associazioni criminali, di modo da ottenere danaro con interviste, scambi di favori, fornendo ‘informazioni’.

    Alcuni tra i delinquenti mettono in atto, con le amicizie nell’associazione a delinquere, azioni « diversive » per eventuali future indagini : simulano di essere stati vittime di eventi simili ai crimini subiti dalle loro vittime, ovviamente d’entità molto inferiore, magari mediante documentazioni non veritiere o certificanti il falso al fine si simulare danni non subiti, allo scopo di risultare vittime allo stesso modo delle loro.

    Si designa un quadro criminale dalla metodologia applicata e studiata in modo transnazionale, si realizza che lo sfascio economico-sociale è, nel lungo periodo, solo in favore di taluni Americani, abili al plagio, che ovviamente hanno interessi nella divisione, facile e poco costosa corruzione, ricattabilità, per ottenere maggiori profitti e potere con minore difficoltà e costi, scaricandoli prevalentemente sulla popolazione colpita; non si può, però, escludere che i coinvolti nell’organizzazione criminale locale abbiano avuto informazioni riguardo operazioni illegali straniere (presumibilmente di mercenari per conto di taluni Americani) sul territorio e le sfruttino a vantaggio per speculare sulle “disgrazie” delle Vittime; è ovvio che, dati i coinvolti, i responsabili primi, coloro che ottengono i maggiori interessi, cerchino di disorientare le loro Vittime facendo apparire più responsabili diretti, di quanti ve ne siano, a meno di pensare all’uso di satelliti (sintomo di regie di organizzazioni a delinquere dalle proporzioni di uno Stato in “guerra molto poco fredda” con l’Italia e l’Europa, che in tal caso sarebbero gli U.S.A. dati i vantaggi pressoché totali per gli stessi, U.S.A. che, date le guerre ed i territori assoggettati al loro controllo nell’ultimo ventennio, avrebbero molta facilità a sfruttare traffici illegali operati dalla criminalità proveniente da quegli Stati ed intermediati con l’economia più o meno legale Europea mediante le organizzazioni criminali proprie del territorio Europeo, al fine di estendere il quadro criminale, corrotto, ricattabile, al fine di ridurre i costi per operazioni a vantaggio di pochi in qualche vertice e connessi ad apparati governativi-militari U.S.A., stimolando nuove collusioni e piccoli crimini da fare crescere in nuove meno costose reti criminali a sostituzione ed iniziale supporto delle precedentemente utilizzate, colpendo anche le Istituzioni dello Stato bersaglio al fine di sabotare economia – politica – società – sanità – ordine pubblico), torri di tlc modificate, si deve come minimo ipotizzare che si stiano usando apparati domestici trasportabili per arrecare danni e lesioni.

    Ricordo che in Parabiago è stato arrestato il maresciallo Gatto per violenza ed abusi alle donne. Come al solito sono saltate fuori prove, denunce ed accuse all’ultimo, prima gli altri nulla sapevano, oppure alcuni mettevano a tacere, cosa di per se comunque insufficiente. Il territorio dei Comuni limitrofi, è collegato a fatti di cronaca nera di “rilievo” nazionale, la zona è interessata dalla presenza di sette sataniste ed è “teatro” di omicidi rituali intrisi di simbolismi. E’ evidente che la cronaca nera muove soldi. I Carabinieri in zona tengono segreti, coprono amicizie, abusano di potere come altri individui coinvolti ed aventi titolo di esercitarlo sulle Vittime, distorcendone le finalità (mi riferisco a coloro che mettono a tacere lasciando i cittadini e le vittime senza più possibilità di avere fiducia nello Stato). Tra i coinvolti nei crimini locali ci sono ex-militari anche giovani. Forse ci sono ricatti tra militari ed ex-militari, ricatti tra poteri e persone con qualcosa sulla coscienza, favori da ricambiare od estorsioni, determinati da faccende precedenti, oltre ad un sperimentazione vera e propria ed illegale ovviamente, che non è limitata a Busto Garolfo, su Civili. Probabili collegamenti con dipendenti e management di banche e notai, imprese di piccole dimensioni anche unipersonali (date le finalità economico-finanziarie ovvie di ogni crimine, in aggiunta all’incremento di potere ed influenza sociale-carriera personale, incremento delle possibilità di commissioni lavorative per i collusi) con sponsor di multinazionali e/o Corporation. In passato il gruppo di stalker locali e gli affini, hanno già condotto furti, fasulli tentativi di rapine (con cooperazione di collusi finti segnalatori ed in Forze dell’Ordine) e rapine, operato per l’induzione al reale suicidio di multiple Vittime (oltre ad avere operato per allontanare dai collusi di gruppi affini eventuali accuse inscenando simulazioni e narrazioni di improbabili tentativi di suicidio degli stessi, fondamentalmente con carte false da amicizie di turno), ottenendo de facto il tentato suicidio di parenti, tentativi avvenuti lungo un arco temporale esteso, su generazioni diverse, coinvolgenti gli stessi organismi sanitari relativi ai fatti recenti (ora A.S.L. 1 ed U.O. di Legnano), che, se non fosse per la competenza territoriale, si potrebbe a maggior ragione pensare solo a che negli stessi vi sia da tempo una setta, loggia, gruppo ideologico-politico, che prende di mira i nuclei famigliari e non solo singoli individui (allo scopo di indirizzarne-costringerne le azioni-attività a pena di “punizioni” anche mortali quali quelle espresse, in funzione dell’evoluzione del metodo-strumenti di condizionamento), connessa ad individui corrotti da tempo nelle forze dell’ordine, oltre ad altri apparati corrotti (anche non solo nazionali, dato il metodo e le coperture). Dati gli strumenti esistenti ed a disposizione di tecnologici gruppi criminali è possibile che quando questi usano gli apparati in grado di condizionare la psiche e l’emozioni stato mentale, la calma, l’aggressività, abbiano come obiettivo la creazione di eventi tra parenti e conoscenti atti a creare la successiva possibilità di ricattare sulla base della notorietà degli eventi (magari violenti o comunque opinabili), in relazione alla privacy, in relazione a piccoli abusi od atti illegittimi tra amicizie, ecc…

    Nel caso in questione, di una Vittima (si suppone tra altre, dato il sistema implementato) della locale organizzazione criminale, si è in presenza di fatti evidenti, prove chiare registrate ed annotate (in piccola parte pubblicate), comportamenti sospetti protratti, negazione e travisazione degli eventi da parte di collusi – coinvolti – minacciati – intimoriti, manifestazioni d’estraneità artificiose ed improbabili protratte, comportamenti ed agire criminale evidenti, abusi di potere e posizione, collusione e comunità d’intenti di una moltitudine e palesemente finalizzati alla lesione dei diritti Umani alla salute, vita personale, vita privata e pubblica, finalizzati alla lesione dei diritti alle relazioni sociali ed al condizionamento estremo di queste, finalizzati alla copertura della comunità d’intenti criminali, finalizzati all’esclusione – vessazione – annichilimento organizzato sulla(e) Vittima(e), come pure è evidente che vi sia un piano di una parte dei criminali per utilizzare un’altra parte tra loro fin che servono e poi sottrarre agli stessi la presumibilmente promessa parte od utilizzarli per scaricarvi tutte le responsabilità (come forse già fatto in passato sfruttando alcuni delinquenti tentati rapinatori, utili al contempo a ridurre o sottomettere una parte dei criminali al resto del gruppo ed altresì dipingere alcuni complici dell’organizzazione come apparenti Vittime oppure come apparenti onesti cittadini).

    Le considerazioni che, il metodo applicato è complesso e dunque studiato per essere applicato da una moltitudine di gruppi criminali contro una multitudine di vittime fors’anche distanti tra loro, il fatto che vi siano coperture di alto livello (con il conseguente obbligatorio sistema di relazioni, connivenze, conoscenze, che coinvolge molti), il fatto che diversi eventi, che sono stati necessari a dipingere dei disonesti-criminali (futuri criminali, premeditatori, intimoriti condiscendenti omertosi) come se fossero esclusivamente vittime od onesti cittadini, siano avvenuti non molto prima dei crimini commessi con determinate strumentazioni impossibilitanti, lesive, danneggianti e con determinati metodi ideati allo stesso scopo, il fatto che diversi eventi siano avvenuti lungo un percorso temporale teso a coinvolgere e ricattare-colludere sempre più individui, indicano la già espressa esistenza di una gerarchia – rete – finalità criminale (simile alle mafie, coinvolte infatti, ma di diversa dimensione), di criminali con interessi – ingerenza – evidenza – “importanza” maggiori e minori, indicano una regia atta a creare caos e prevaricare a forza e con ricatti, con abusi, in quanto in posizione dominante su altri (tant’è che sono coinvolti deviati delle forze dell’ordine, professionisti in posizioni di rilievo, politici, militari, attività economiche strategicamente importanti, sanitari), in quanto costituenti obiettivi primari al sopra delle inermi Vittime, in quanto gerarchicamente più influenti dei criminali locali ma al contempo sottoposti a “pressioni” superiori (trasnazionali) poste da chi alla fine ottiene il maggior vantaggio con il minor rischio di essere connesso ai singoli gravi crimini.

    Non chiamatele bravate. Non chiamateli bulli. I balordi – delinquenti diventano poi (soprattutto in questa situazione economica), molto probabilmente, parte della mafia, di associazioni a delinquere (data la tendenza a commettere l’azione illecita e lesiva, verso la moltitudine a fini ed interessi personali e del gruppo, acquisita durante la crescita e scarsamente contrastata) e/o comunque elementi essenziali in azioni commesse da gruppi di stalker (che possono essere rivolte contro: la persona, il lavoratore scomodo magari costoso o da sostituire, l’attività politica-ideologica, l’attività economica, l’attività di contrasto del crimine ed applicazione della legge, ecc…).

    Faccio un invito a ri-valutare molto più gravemente l’illecito, crimine, commesso come stalking di gruppo essendo il “ponte” tra il crimine individuale e la mafia od il terrorismo (tanto più che esistono ad oggi metodi per plagiare, danneggiare e ledere da multiple parti rendendo comunque difficile l’individuazione dei responsabili dei crimini, anche in quanto i criminali e le Vittime non sono in vista tra loro e gli strumenti d’offesa “invisibili”), essendo di fatto inquadrabile come l’associazione a delinquere ma potendo avere come finalità la singola lesione dei diritti Umani, la semplice voglia malata di arrecare dolore e danno e finanche indurre al suicidio “l’avversario”, il “bersaglio” (indice dell’assenza d’Umanità, dell’estrema bassezza morale e non-opposizione al crimine violento, indice della scarsa considerazione della vita, Umana ed in genere): Vittima che, ovviamente, cercherà invece di stringere i denti finendo per trovarsi in situazioni comunque anomale.

    Faccio un invito a semplificare la vita a Cittadini Onesti (quelli che lo sono non soltanto dietro il paravento della “manifestazione” pubblica) e Vittime mettendo loro a disposizione, molto facilmente, gl’istrumenti “omologati e certificati” atti a tenere traccia ed individuare il cyber-crimine e le azioni lesive commesse con elementari dispositivi ad energia diretta oppure dispositivi ad energia diretta ideati in funzione dell’azione rivolta all’applicazione lesiva delle nozioni delle teorie dei segnali inclusi quelli biofisici-biologici, semplificando così il lavoro d’indagine e giustizia, tutela, deterrenza, contribuendo anche non poco all’economia pulita (badando ai prezzi gonfiati, in quanto parte del crimine tecnologico non sussiste, non trova spazio, se gli strumenti per la sua identificazione e tracciamento sono di comune o magari obbligatoria dotazione, con la conseguenza che può essere fatto/indotto cartello, anche sfruttando la criminalità, per opporre la diffusione di tali strumentazioni).

    Espresso quanto sopra, non finga la società di lamentare, altrimenti, gli eventi prodotti da gruppi come quelli delle Bestie di Satana o da gruppi che commettono qual si voglia genere di sacrifici rituali ai danni altrui.

    Onde evitare altri casi in Italia simili a quello Garofalo, riflettete, anche qualora non vi fidaste di quanto esposto (posto comunque che le evidenti anomalie non sono negabili, né quanto riportato nel link in forma di video ed immagini, ne è negabile l’agire anomalo di sanitari e forze dell’ordine anche direttamente in seguito alle prime segnalazioni o richieste d’informazioni od aiuto).

    NOTA IMPORTANTE IN MERITO AD I COMMENTI SUL WEB:
    In quanto account e-mail, incluse PEC, sono già stati ‘violati’ (motivo di questo indirizzo), prendete con le pinze ulteriori commenti indicanti lo stesso indirizzo e-mail inseriti in questa pagina (onde evitare spiacevoli inconvenienti determinati, oltre che da un’eventuale ascolto mediante microfoni direzionali quando utili, anche dalla violazione delle comunicazioni via cavo e wi-fi e la conoscenza da parte di criminali dei dati utilizzati, magari al fine di simulare commenti in luogo della mia stessa persona, per finalità criminose). Mio malgrado, come espresso, le comunicazioni dai dispositivi telematici, di ogni sorta, in possesso della(e) Vittima(e) sono disturbate od impossibilitate oltre che violate. Questa è un’esposizione per mettere in guardia, non per disquisire con opinioni in merito a fatti certi e probabili anche altrove.

    UNO TRA I RISCONTRI:
    La facilità che possono avere i segnalati, dell’organizzazione locale, nel rintracciare segnalazioni come questa ed il prolungato silenzio è indice di un probabile accordo tra gli stessi (es. attraverso i motori di ricerca usando la chiave “cronaca Busto Garolfo, cronaca busto garolfo wordpress, busto garolfo armi elettromagnetiche” s’incorre molto facilmente (per un certo periodo) in un blog ed in commenti ove è presente questa), di fatto un tentativo di ottenere qualcosa con dolo e premeditazione, quasi evidenza dell’esistenza di un’associazione d’intenti, un associazione a delinquere. Presumibilmente, in considerazione di chi sono e quanti sono i coinvolti, c’è la preferenza a mantenere il silenzio anche al fine di non validare quanto descritto, in aggiunta tale associazione può, nel silenzio, continuare ad usare le strumentazioni per danneggiare dalla distanza, cosa che si configura evidentemente come un obiettivo primario oltre che metodo per ottenere altro (dovendo per forza escludere l’incapacità d’intendere e comprendere le azioni commesse dai collusi, data la complessità dell’organizzazione). In oltre va ricordato il ruolo complice di militari ed ex-militari, e quello doloso o colposo di dipendenti di ASL, U.O., C.P.S. (decisamente evidente, peraltro), nonché le anomalie di metodo ed il tentativo di mettere a tacere completamente la/e vittime, nonché di fare diffidare le stesse dello Stato.

    IN SINTESI, ATTENZIONE:
    Ci sono in giro Stalker e Gruppi di Stalker della persona e/o dell’economia*, appartenenti a mafie, Logge, Club, Sette, organizzati, in parte finanziati da cosiddetti intermediari dei “filantropi” e “lobby”, forse anche da Società private (imprese, pseudo-ong, “gruppi di pensiero” ed altro) che retribuiscono (ovvero, perdite finanziarie, costi, profitti che non finiscono ai vertici in-eletti e ristretti) i dipendenti o contribuiscono alla definizione delle retribuzioni degli stessi nello Stato da colpire, che svolgono e fanno svolgere attività illecite che di ritorno generano minori costi da sostenere per la retribuzione dei dipendenti (per esempio riducendo la qualità della vita, i diritti, le tutele, l’influenza di organizzazioni socio-economico-giuridiche pubbliche con finalità redistributive-perequative, gruppi in parte autofinanziati, che, talmente sono buffoni, criminali, spudorati, indecenti, violenti, marci, si spacciano per comunisti, per Russi, ed a dimostrare l’ovvio contrario, cioè dimostrare chi sono in realtà, sono finanziati ed organizzati per rovinanare la P.A., lo Stato, l’Economia di Stato, le municipalizzate, le cooperative (in genere tutto quanto è opposto alla privatizzazione dei profitti – socializzazione delle perdite, colpendone in vari modi i dipendenti con una visione positiva dello Stato nonché il loro lavoro, servendosi invece di coloro che comunque magari da molto dipendenti lo vogliono smantellare o di fatto operano per smantellarlo ed hanno visione ideologica contraria all’economia produzione-servizi-lavoro di Stato, nello Stato), finanziati ed organizzati per rovinanare la vita agli avversari politici ideologici dell’ultra liberismo di mercato turbocapitalista, per infiltrare partiti politici facendo pressioni mettendovi di fatto candidati “manciuriani” che in effetti quando prendono decisioni sono opposte all’ideologia socialista e Comunista, all’idea in genere del benessere generalizzato ed equo. I gruppi criminali oltre a colpire l’economia colpiscono anche ed ovviamente singole persone, puntano al caos socio-economico per “smembrare e riformare” società, economia, diritti, tutele; fanno largo “uso” di vittime prese di mira per i nomi ed i simbolismi, la geografia. I gruppi che colpiscono i singoli oppositori, singole vittime (magari nel contesto di eventi e situazioni caotiche o complesse, anche di cronaca, studiate per nascondere la premeditazione ed “allontanare gli indizi e complicare le piste” tra esecutori ed organizzatori), sono più o meno fortemente carnefici, torturatori, ed è possibile che siano sotto effetto di droghe o dipendenti da queste oppure di agenti temporanei esterni (elettromagnetismo concentrato allo scopo di determinare le stesse reazioni in sostituzione della chimica ed influenzanti il comportamento, infrasuoni-ultrasuoni diretti frutto d’interazione tra masse nel corpo ed eccitazione chimica-elettromagnetismo), nonché condizioni sociali-ambientali generate ad hoc con una lunga programmazione ed attuazione. Chi finanzia cerca il caos globale, non la crisi economica, ed ovviamente ha già potere e vuole un sistema evidentemente molto più dicotomico servi-padroni con l’ausilio di tecnologie e metodologie. Possibile che gruppi mafiosi-stalker, simili a quelli dell’organizzazione locale, abbiano avuto a che vedere con fatti di cronaca nera di un certo rilievo mediatico.
    Si chiama anche guerra fredda, turbocapitalista, praticamente autofinanziata dagli utili idioti criminali che capiscono bene quello che fanno perché nel breve periodo vedono riempirsi il portafoglio, ma ovviamente sono all’oscuro degli obiettivi e perdite finali, a parte che per pochissimi.

    *In effetti, da tempo, troppi si sono dimenticati dei sabotatori organizzati, dei sabotatori economici, categoria nota ai governi Africani e Cento-Sud-Americani ma ovviamente presente anche in Europa ed ovunque vi siano organizzazioni Nazionali Pubbliche da attaccare. I sabotatori-stalker dell’economia, gruppi ovviamente organizzati intenti al raggiungimento di obiettivi (più o meno consapevolmente) ed allo scopo sostenuti, finanziati, favoriti, da chi ha interesse, ovviamente Società private, come già scritto, di fatto intente al controllo totale della vita e senza diritto democratico ( raro che vi siano votazioni od elezioni cui partecipano tutti i dipendenti, nelle Società, per definire per esempio il management, che siano Medie Imprese, Multinazionali, Corporazioni, dipendenti che comunque non sono certo il complesso della Popolazione di uno Stato Democratico – questo per chiarire che la privatizzazione ed il turbocapitalismo vanno di pari passo con la perdita di Diritti Democratici e tutele collettive, garanzie condivise, dato che è evidente che molti partiti politici fingono da troppo di non vedere l’evidenza, vero pseudo-sinistra semi-manciuriana? Qualcos’altro da regalare ai gruppi privati, magari evidentemente criminali, da togliere invece alla collettività senza la quale i gruppi privati manco potrebbero fare profitti (concentrar e poteri)? )

    UN INVITO A RIFLETTERE:

    (da parte di uno che viene costantemente messo in difficoltà, reso impedito nell’utilizzare anche le telecomunicazioni, oltre ad i terminali, con disservizi artificiosi agli stessi, quasi “impossessati” da strumenti informatici remoti e certamente fisici elettromagnetici interferenti con memorie e circuiti)

    Gli “Stati Uniti” sono in guerra con il Socialismo da secoli (Cristiano, Ebraico, Musulmano e molte altre filosofie e culti orientali ad anche Africani), come minimo cercano di trasformarlo ad un fantomatico “fenomeno progressista” dall’inconsistente ideologia (come se conservatotorista, altra inconsistente ideologia, significasse immobilizzare tutto), un modo per soppiantare all’idea della condivisione e cooperazione costruttiva con finalità di bene collettivo, dunque non solo particolare, l’idea del liberismo spinto, del caos a vantaggio del più furbe, prevaricante, truffatore. Gli “Stati Uniti”, non sono quel territorio e società Nord Americana, sono la cima, la vetta, di quel popolo addormentato assopito “ingegnerizzato” suddito di una macchinoso sistema iperpiramidale e corrotto di proprietà di pochi multi-miliardari (sempre più consapevole di esserlo, dunque sempre più “violentato” dal sistema, in privata proprietà, sempre più aggressivo). Se gli “Stati Uniti” avessero voluto ottenere l’egemonia globale, perché superiori agli altri (non semplicemente più aggressivi violenti, plagiatori internazionali, quali che sono), avrebbero puntato tutto sull’infiltrazione mafiosa e distruttiva nell’economia Russa, fortunatamente e non, esistono tecnologie implementate durante e dopo le guerre fredde atte a controllare gli individui (inoltre quelle Elite Statunitensi non hanno la possibilità, ancora, di soppiantare completamente il lavoro fatto da Utili Idioti e dalle loro vittime, non hanno numeri a sufficienza e necessitano, hanno necessitato di usare prima gli Europei per un Secolo e più, per indebolire i confini e l’influenza dell’ideologia Socialista, per indebolire ed infiltrare, il più possibile a spese degli Europei le nazioni Africane e quelle vicine all’Europa geografica oltre alla stessa Europa, con l’evidente obiettivo, che le Elite vogliono raggiungere a danno di tutti gli altri, di mettere parte del Mondo, senza pesare in costi sull’Elite ed i più vicini “servi”, contro Russia, Cina, India, e Giappone, infine e contestualmente, in genere Cristiani, Ebrei, Musulmani, deformandone “utilmente” i connotati ideologici). Tecnologie di controllo che, molto meno fortunatamente per chi vive nella NATO, sono utilizzate per favorire chi ha determinate ideologie spesso criminali favorevoli ai poteri Oltre Oceano, ostacolando invece chi ha ideologie differenti (come quelle citate sopra, non fatevi ingannare dal finto supporto ad “Israele” che di Ebraico ha poco e che è solo uno strumento per generare il caos, a sfavore di Ebrei e Musulmani, a favore dell’economia di guerra e di poche Elite sempre Oltre Oceano, come si è evinto col tempo). Come espresso, non potendo puntare tutto sull’infiltrazione in Russia, hanno optato per distruggere e condizionare le economie e le società e con esse le menti, di coloro che sono a confine della stessa, essendo stata la Russia (con il seguito della Cina ed altri in Centro-Sud America) ad avere in eredità il compito arduo di mantenere Umana la Specie, di mantenere in essa quello spirito Sociale e costruttivo, cooperativo, il compito arduo di difendere (sembra paradossale ma non è) la religione e soprattutto la sua filosofia, inclusa quella Cristiana, e comunque di difendere qualsiasi ideologia simil Socialista, ideologia ovviamente a “metà” tra quella Comunista e mercatista-capitalista caotica (comunque d’ostacolo al sistema Elitario-NeoFeudale-Schiavistico), la prima per definizione tende ad escludere, anche aprioristicamente dal diritto legale, il crimine come metodo per il successo e benessere, la seconda invece lo esclude solo a parole mediante la Legge che non è applicata o che comunque non può per forze in causa essere sempre correttamente applicata. Si è reso evidente nella NATO che, chi ha la vita difficile è chi più probabilmente non è stato utile a mantenere e rafforzare i poteri degli individui in cima appartenenti ad una ristretta Elite, mentre chi è stato facilitato, criminale oppure no che sia, è chi più probabilmente ha favorito la su-indicata cima (favori costosi che la cima, essendo mercatista-capitalista, vede come investimento per poi recuperarlo con gl’interessi: conoscenze, teconologie, beni, danaro, maggiore influenza, minori possibili ostacoli e concorrenti).

    UN INVITO AD IDEARE ALTRO:
    Quando Vi ritrovate a passare il tempo libero onestamente, i criminali fanno lo stesso magari altrove o vicini a Voi e magari facendo od ideando crimini con la consueta leggerezza ed arroganza, violenza, quando Voi lavorate i criminali invece commettono e studiano crimini. I criminali sono sempre più o meno criminali, se non lo siete è probabile che dei criminali ve ne occupiate poco, purtroppo. É evidente la differente influenza, è evidente che Voi facciate conto su coloro che sono deputati a mantenere ordine e sicurezza per fare applicare la Legge. È evidente che se voi fate conto su chi ha un potere differente dal Vostro, al fine di garantire la giustizia secondo Legge, significa che Voi vi fidate e non mettete in dubbio l’operato di coloro che sono deputati alla sicurezza ed ordine, legalità. È evidente che in un’ottica mercatista, competitivista, gerarchica, liberista, concorrenziale, è facile che i pochi che hanno, in quanto tutori delle stesse Leggi, il maggior potere Legale su di Voi, siano tra i tasselli più importanti da controllare per controllare società ed economia. È evidente che la corruzione dei tutori dell’ordine e sicurezza pubblica e privata (FF.OO., VVFF, il comparto della “sicurezza del volo”, Intelligence, compagnie di sicurezza privata) sia la maggior sospinta, finanziata ed organizzata da chi vuole controllare la Nazione; questo perché la corruzione socio-economica invece costa meno, è in funzione del semplice caos, che può essere autofinanziato dalla semplice organizzazione particolare della società, caos che tra l’altro riduce il costo per l’organizzazione ed il costo per ottenere i favori del crimine, dato che tanti più sono i criminali, tanto meno costano a gruppi Elitari.
    Dunque, quando Vi ritrovate a passare il tempo libero tenete conto che non potete sperare che pochi riescano a vincere le pressioni di pochissimi con moltissimo potere, facilmente organizzati negli intenti e che pochi pensino a quello a cui Voi non pensate mai, in altri termini il crimine dovete organizzarvi Voi a combatterlo oppure non lamentatevi quando il controllo della sicurezza sarà gestito prima dall’Eurogendarmeria e poi dalle grosse Corporazioni Private mercatiste liberiste, che da un lato commissioneranno crimini e dall’altro li fermeranno incolpando di volta in volta chi non è più utile: quando accadrà, non avrete modo di difendervi da eserciti di barbari.

    UNA PICCOLA DEMOLIZIONE DELLE BOIATE:
    Se gli Stati Uniti d’America, se la NATO, fossero state, come si dipingono con notevoli costi, il baluardo della libertà, secondo diritto, della persona, della sua integrità, dei diritti Umani, della trasparenza (trascurando i motivi per cui non è possibile che lo siano, già in parte espressi), avrebbero, contro le censure attribuite ai fantomatici regimi totalitari, attuato da molto tempo una politica poco costosa e molto influente: regalare l’accesso ad internet mediante il satellite, un decennio fa ed oltre. Forse, se qualcuno volesse porre rimedio dopo avere letto qui, potrebbe proporre di correre a riparare, ma il danno è fatto, l’evidenza delle menzogne dell’elite Americane ed Europee è sancita.
    Avete visto le proteste in Cina, ecco, indovinate, sempre causa di multinazionali e corporazioni, sempre sul modello Statunitense (eh, già, il liberissimo mercato ultracapitalista fantomaticamente democratico e protettore dei diritti umani) sempre lo Stato che cerca di mettere le pezze alle prevaricazioni di pochissimi.

    Un link con filmati di anomalie a dispositivi: Resistendoallafine.wordpress.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...