iPhone, iMostro

Pubblicato: 29 settembre 2012 in Italiano
Tag:, , ,

Ieri, in Cina, la “fabbrica dei suicidi” non ha prodotto nessun iPhone.

Oltre 40 feriti e numerosi arresti, con due mila operai coinvolti. La motivazione ufficiale cancella la parola “ribellione”.

L’iPhone è lo status-symbol della nuova vita virtuale. Il solo fatto di averlo ti conferisce prestigio nella democrazia mediatica dove il medium è il messaggio.

Il successo dell’iPhone (nel suo ultimo mostro, il numero 5) nasconde un volto occulto.

Per produrre i componenti del giocattolo sognato dalla borghesia occidentale, vengono brutalmente sfruttati i lavoratori cinesi.

Più di 12 ore giornaliere di lavoro, straordinari non retribuiti ed un ambiente in condizioni disumane. Tutto per meno di dieci dollari al giorno.

Il profitto della Apple e delle altre aziende della “rivoluzione” tecnologica vale più di 13 suicidi (tutti dipendenti della Foxconn).

Lo sfruttamento della manodopera è alla base della globalizzazione, ma la stupidità umana, alienata nel consumismo, applaude il sistema che la rende cieca ed ignorante.

Felici, l’ultimo mostro numero 5 da oggi torna a essere prodotto.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...